Aprire una caffetteria americana

In tutto il mondo il franchising caffetteria in stile americano è molto diffuso, mentre in Italia è un’attività che sta prendendo piede solo adesso.
Il caffè in stile americano è una nuova attività quasi totalmente assente in Italia.

Franchising caffetteria Americana

franchising caffetteria americana

La caffetteria americana si differenzia dagli altri bar per il servizio particolare che offre.
Quindi può essere un investimento perfetto che con i giusti accorgimenti può diventare molto remunerativo.

Rispetto al classico franchising caffetteria essa offre una ampia scelta di dolci, spuntini, salati e yogurt ma soprattutto una grande varietà di caffè. Da quelli con vari tipi di latte a quelli con diversi aromi e sciroppi fino ad arrivare a quelli freddi.

Il servizio offre anche l’opportunità di  scegliere le varie dimensioni del caffè, dalla misura più piccola a quella più grande. Offre anche la possibilità del cappuccino e del caffè “a portar via” abitudine ancora nuova per gli italiani.

I clienti italiani del franchising caffetteria non sono infatti ancora pronti alla cultura del “mangiar veloce”. Ma non per molto,  infatti all’estero questo modo di mangiare ha preso piede, perché non dovrebbe succedere nel nostro paese?

Per aprire franchising caffetteria di questo tipo bisogna fare attenzione e seguire alcuni accorgimenti:

  • Scegliere il locale in zona centrale e  ad alto traffico di gente, vicino a scuole, ad aziende , centri commerciale e soprattutto vicino ad università e biblioteche ad alta frequentazione di studenti e giovani i quali sono i maggiori fruitori delle caffetterie americane.
  • La metratura per un locale di questo tipo deve essere medio grande in modo tale che vi si possa anche lavorare e studiare mentre si sorseggia un buon caffè.

 

Cosa serve per aprire una caffetteria americana?

  • Spazio adibito ad uso commerciale
  • apertura della partita IVA
  • spazi a norma di legge
  • rispettare le norme sanitarie
  • registrazione presso il Registro Delle Imprese
  • domanda e consegna al Comune della documentazione necessaria
  • documentazione antincendio da presentare  ai Vigili del Fuoco
  • tributi per la SIAE
  • autorizzazione per esporre l’insegna

 

Costi:

Il costo si aggira intorno alle 250.000 euro. Comprensivo di spese per le utenze, mobilia, affitto, attrezzature per le materie prime e in ultimo i costi per il personale.