Aprire una Gastronomia – Rosticceria

La Rosticceria e la Gastronomia  offrono da sempre  a pranzo e a cena.

Per le persone che non hanno il tempo di cucinare, delle pietanze genuine, invitanti e succulente come se fossero fatte in casa.
Aprire una gastronomia e rosticceria in un quartiere fortemente popolato e senza supermercati, potrebbe generare dei grossi guadagni.
Se avete passione per il cibo e la cucina, questo è il lavoro che fa per voi.

come aprire un franchising gastronomia e rosticceria

Ma quali sono i costi  e i finanziamenti in Italia per aprire un’ attività di rosticceria e gastronomia?

Elenchiamo di seguito i costi per l’acquisto delle attrezzature:

  • Frigorifero – congelatore 2.310 €.
  • Forno 513 €.
  • Lavello 150 €.
  • Cucina a 4 fuochi a gas  1.200 €.
  • Piano lavoro 200 €.
  • Lavatoio professionale da cucina  470 €.
  • Attrezzature generiche da cucina  200 €.
  • i costi per lo spazio che si userà per la vendita:
  • Registratore di cassa: 600 €.
  • Affettatrice professionale: 70 €.
  • Un bancone per esporre i prodotti: 15.000 €.
  • Vetrina refrigerata: 350 €.
  • Scaffali vari: 50 €.

Riassumendo avremo una spesa per un totale di 21.113 euro.

Andando ad analizzare invece cosa servirà per il locale vediamo che come metratura sarà di circa 30/50 kmq.
Suddiviso in spazio vendita, magazzino e cucina.
L’affitto si aggirerà sui 300/400 euro a secondo in quale zona andremo ad aprire.
Non mancheranno le spese per mettere a norma il locale, quali l’impianto elettrico e le restanti spese per l’adeguamento del luogo.

  • affitto per il primo anno : 5.000 €.
  • Impianto elettrico: 2.000 €.
  • Opere murarie: 3.000 €.
  • Totale 10.000 euro

Costi per il personale:

un accorgimento per azzerare i costi sarà quello di avere solamente la persona titolare dell’esercizio.
Il quale se appassionato di cucina potrà non solo cucinare ma anche vendere i propri piatti.

I costi saranno circa 4000 euro e comprenderanno la contabilità generale, nonché gli attestati  HACCP, e SAB.

totale: 35.113 euro.

Ultimo punto da analizzare è il finanziamento:

Erogazione dei contributi a fondo perduto di circa 0329 euro con finanziamento a tasso agevolato per cinque anni con un importo massimo di euro 15.493.
Le regioni che aderiscono sono:

  • Abruzzo
  • Campania
  • Basilicata
  • Calabria
  • Molise
  • Puglia
  • Sardegna
  • Sicilia.

La legge Sabatini Bis: finanziamento a tasso agevolato da 20.000 a 2.000.000 euro per l’acquisto di beni funzionali.

Leave a Reply